Un ottobre d’eventi per Marano Principato

“Il Premio Pandosia sarà crocevia per tutta una serie di eventi che faranno del mese di ottobre lo spartiacque decisivo tra vecchio e nuovo, passato e futuro”.
Così Alessandro Tenuta, Sindaco di Marano Principato, nell’annunciare a breve una doppia inaugurazione, il Centro di aggregazione giovanile, giorno 25 ottobre e giorno 1 novembre della Pinacoteca d’arte moderna che dopo 28 anni permetterà ai cittadini di Marano Principato e non solo, di potere conoscere e apprezzare il ricco patrimonio artistico che il comune ha maturato nel corso del Premio e che finalmente avrà una collocazione appropriata al suo prestigio.

“Possiamo dire di aver messo a segno alcuni fra i punti programmatici per noi più importanti – ha proseguito Tenuta – a partire dal recupero e valorizzazione del Centro Sociale Cesare Baccelli. Ampliato, attrezzato, e messo a norma, oggi può essere punto di incontro e scambi, laboratorio di idee per la crescita, la formazione e il futuro dei nostri giovani. Non a caso ospiterà il Centro di Aggregazione giovanile. A Marano i giovani sono oltre il 35% della popolazione residente e dobbiamo offrire loro opportunità tali da farli restare, investire energie e intelligenze in un territorio aperto, di cui andar fieri. A tal proposito – ha detto ancora il Sindaco di Marano Principato – ridiamo una identità a questo territorio partendo dalle sue tradizioni culturali e artistiche. Nel corso degli anni da qui sono passati grandi nomi
dell’arte moderna e contemporanea, lasciando traccia della loro arte. Accanto ad opere blasonate quelle di artisti emergenti, più o meno noti, per i quali il Premio Pandosia è stato vetrina e trampolino di lancio”.

Quest’anno raddoppiamo con le residenze artistiche, dal 25 ottobre al primo novembre, i principate si daranno ospitalità a 11 artisti e vedranno la loro arte prendere forma nei luoghi della cittadina.
Un premio che si arricchisce di belle novità e collaborazioni e che grazie a giovani universitari, a lavoro da mesi, rafforza l’appeal e il legame col territorio.

Davanti a tutto questo non possono esserci schieramenti ne contrapposizioni politiche. L’arte, la cultura e i giovani non possono più essere parole demagogiche o slogan, ma questioni sempre aperte da attenzionare se si vuole andare lontano. E noi stiamo procedendo spediti in questa direzione.

Presentazione Premio Pandosia 2015

Venerdì 4 settembre in piazza Annunziata a Marano Principato (CS), è stato presentato il nuovo progetto di rilancio dello storico Premio Pandosia, illustre rassegna di arte contemporanea che da trent’anni rappresenta il principale patrimonio artistico e culturale del territorio principatese e che si vuole rendere visibile e godibile da tutti, grazie alla realizzazione della Pinacoteca Comunale all’interno del Centro Cesare Baccelli.

Da quest’anno il Premio presenta una nuova organizzazione e veste, frutto del lavoro di giovani studenti che nel giugno scorso hanno partecipato ad una business competition nell’ambito del progetto Giovani&FuturoComune, promosso dall’associazione Goodwill con il supporto di Fondazione Vodafone Italia. Quest’ultima, attraverso il suo segretario generale, i due sindaci dei comuni coinvolti e goodwill ha decretato il team vincente.
Fine ultimo, stimolare iniziative sulla ricognizione e valorizzazione dei beni comuni esistenti nel proprio territorio, e sviluppare le capacità e gli interessi imprenditoriali dei ragazzi.
Il progetto è stato ben accolto dal Ministero dei beni culturale e da quello dell’istruzione che si sono detti interessati a seguire e conoscere gli sviluppi dello stesso .
Il giovanissimo team dell’associazione PandosiaeARTh, vincitore del progetto, ha posto all’attenzione del Comune di Marano Principato nuove idee per la valorizzazione di un bene comune del territorio.
Idee che dovranno far proprie i 15 artisti che saranno scelti fra i partecipanti al bando del Premio, in scadenza il 30 settembre. Per loro sarà prevista la residenza di una settimana a Marano Principato, durante la quale daranno vita alle loro opere nei luoghi e sui beni prescelti. Il primo novembre l’attesa premiazione.

Il Premio diventa, per le sue finalità e modalità di attuazione, un grande evento artistico-culturale-sociale, unico in Calabria e in Italia , che sarà divulgato a livello internazionale, creando sinergie con enti formativi e tra aspiranti imprenditori culturali e pubblico, coinvolti in un percorso fatto di ospitalità, spazi comuni e workshop. Centrali saranno i temi dell’eco-sostenibilità, dell’integrazione e del confronto tra culture diverse.

Le moltissime novità dell’edizione 2015 del Premio Pandosia, il cui tema sarà: “(R)innovare: niente nasce dal nulla, tutto nasce dalla terra”, sono state presentate dal Comune di Marano Principato, dal Centro Turistico Giovanile Pandosia e da Giovani&FuturoComune.

Bellissima la cornice di Marano Principato per la serata di presentazione, tanti i giovani presenti, tanti cittadini interessati a conoscere le novità del Premio 2015.

Nel corso della serata è stato più volte ricordato che quest’anno si punterà ad un forte coinvolgimento dei cittadini, attraverso l’ospitalità da offrire agli artisti, delle attività commerciali che già in occasione della presentazione del Premio hanno realizzato dei prodotti nuovi (il gelato Pandosia del Bar Annunziata, il Panino Pandosia del Bar San Francesco ed il cocktail Pandosia del Bar numero 10).
Molto importante sarà anche il ruolo della scuola nel divulgare ai più giovani principatese cosa rappresenta da 30 anni il Premio Pandosia per Marano Principato.

Vogliamo far dialogare i principatesi con gli artisti per scambiarsi idee e trovare fattive forme di collaborazione che restituiscano il premio ai suoi diretti fruitori: il territorio e chi lo vive.
Siamo convinti che l’arte può davvero diventare una grande occasione di rigenerazione urbana, comunitaria ed economica del territorio di Marano Principato e non solo.

La business competition: vince il team Pandosia E(Art)h.

Venerdi 5 giugno presso il Piccolo Teatro Unical si è tenuta la business competition Giovani&futuroComune che ha visto il Comune di Marano Principato tra gli attori principali. Tutto ha avuto inizio nel 2014 quando la Fondazione Vodafone decise di investire al sud ed in particolare nel progetto Giovani&FuturoComune promosso dall’associazione Goodwill in partenariato con associazioni, aziende, cooperative e amministrazioni virtuose della provincia di Cosenza.

Grazie alla forza di questi rapporti si è dato vita ad un progetto volto al raggiungimento di un obiettivo comune che vede come protagonisti i giovani delle scuole superiori al fine di stimolare iniziative sulla ricognizione e valorizzazione dei beni comuni esistenti nel proprio territorio, sviluppando le capacità e gli interessi imprenditoriali degli stessi.

Gli studenti sono stati chiamati a progettare una forma di intervento a carattere imprenditoriale e socialmente responsabile che renda un bene comune non solo valorizzato e usufruibile dalla collettività, ma capace di generare utilità economica.
Il progetto, dunque, ha avuto lo scopo di stimolare il protagonismo dei giovani nella costruzione di un modello sociale ed economico positivo della Calabria, basato sulla legalità, il rispetto delle persone e la valorizzazione delle risorse del territorio.

Per il Comune di Marano Principato i due team: Pandosia Art Festival e Pandosia E(art)h, hanno presentato un progetto di riqualificazione e rilancio dello storico Premio Pandosia.

Dalla business competition è risultato che a godere del finanziamento della Fondazione per l’organizzazione del Premio Pandosia sarà il team E(Art)h. Il team mette al centro del suo progetto un obiettivo: rendere la comunità di Marano Principato la vera protagonista della settimana del premio Pandosia.
Legare l’arte al decoro urbano e diventare riferimento per artisti affermati ed emergenti.

Il prossimo passo per i vincitori sarà la costituzione in associazione in modo da poter ricevere il finanziamento e iniziare a lavorare. La sede, neanche a dirlo, il Talent Garden di Cosenza dove i ragazzi in questi mesi hanno sperimentato in prima persona cosa sia il coworking.
I presupposti per il Premio Pandosia 2015 sono molto positivi, saranno tante le novità e gli elementi di coinvolgimento della cittadinanza a questo evento che rappresenta il simbolo culturale del territorio principatese.

Inizia una nuova avventura per il Premio Pandosia

Come anticipato nel corso del 2014, il Premio Pandosia per la prossima edizione, prevista nell’ultimo trimestre del 2015, si inserisce in un progetto più ampio: Giovani&futuroComune, sostenuto da Fondazione Vodafone.

La Fondazione Vodafone nel 2014 decide di investire al sud ed in particolare nel progetto Giovani&FuturoComune promosso dall’associazione Goodwill in partenariato con associazioni, aziende, cooperative e amministrazioni virtuose della provincia di Cosenza.
Grazie alla forza di questi rapporti, si è deciso di investire in questo progetto per raggiungere un obiettivo comune che vede come protagonisti i giovani delle scuole superiori al fine di stimolare iniziative sulla ricognizione e valorizzazione dei beni comuni esistenti nel proprio territorio, sviluppando le capacità e gli interessi imprenditoriali degli stessi.

Gli studenti saranno chiamati a progettare una forma di intervento a carattere imprenditoriale e socialmente responsabile che renda un bene comune non solo valorizzato e usufruibile dalla collettività, ma capace di generare utilità economica.
Il progetto, dunque, ha lo scopo di stimolare il protagonismo dei giovani nella costruzione di un modello sociale ed economico positivo della Calabria, basato sulla legalità, il rispetto delle persone e la valorizzazione delle risorse del territorio.

Tra i due Comuni che hanno deciso di collaborare alla realizzazione di tale progetto c’è Marano Principato che ha scelto di richiedere ai giovani coinvolti nel progetto di pensare ad iniziative di valorizzazione del bene comune “Premio Pandosia”.
Ritengo che per il nostro territorio sia una grossa opportunità di crescita e visibilità viste le diverse professionalità coinvolte nel progetto, inoltre, il diretto con le scuole di Cosenza per il Premio Pandosia genererà risultati positivi in termini di innovazione e promozione dell’evento stesso.

Nei prossimi mesi affiancherò, con tutta l’organizzazione del Premio Pandosia ed il CTG Pandosia, i tutor che coordineranno i giovani nella redazione dell’idea di valorizzazione del Premio Pandosia.
Il nostro compito sarà quello di raccontare cosa rappresenta per Marano Principato il Premio Pandosia, racconteremo la storia, i personaggi ed i valori dell’evento presente ormai sulla scena dell’arte contemporanea nazionale da più di 30 anni.

Primi passi verso il Premio Pandosia 2014

Sabato 1 marzo, insieme al comitato promotore, abbiamo dato il via ai lavori organizzativi dell’edizione 2014 del Premio Pandosia.
Le principali decisioni prese riguardano la struttura e le modalità attuative che non si allontaneranno di molto da quelle della precedente edizione; infatti, si è scelto di proseguire con la residenza degli artisti nel territorio di Marano Principato per la realizzazione delle opere in concorso, una formula, questa, che ha generato un notevole interesse soprattutto fra i più giovani.

Relativamente al tema che caratterizzerà il Premio Pandosia 2014, il comitato ha accolto la proposta avanzata dal Centro Turistico Giovanile Gruppo Pandosia e, questa, verrà resa nota in fase di pubblicazione del bando.

Inoltre, negli ultimi mesi, i componenti del comitato hanno avviato nuove collaborazioni al fine di migliorare la struttura dell’evento; tali collaborazioni sono in fase di definizione e, pertanto, ci siamo dati appuntamento a breve per un ulteriore incontro che vada a definire gli aspetti ancora incerti.

Il Premio Pandosia rappresenta per Marano Principato la più importante attività culturale da più di 30 anni ed è l’unico premio di arte contemporanea calabrese con alle spalle una storia così lunga; tutto ciò oltre a riempire di orgoglio tutti noi componenti del comitato promotore, ci rende maggiormente coscienti della responsabilità che abbiamo verso un patrimonio che appartiene all’intera cittadinanza principatese.

Conclusa la XXVII edizione del Premio Pandosia

Sabato 16 novembre si è conclusa la XXVII edizione del Premio Pandosia e nel corso della serata sono state raccontate le tante novità che hanno reso speciale la manifestazione. Sia per la prima che per la seconda sezione è stata modificata la modalità di realizzazione delle opere e, in particolare, nella seconda sezione, i giovani artisti selezionati hanno avuto modo di vivere il territorio di Marano Principato e lasciare un ricordo importante ai tanti principatesi che hanno avuto modo di incontrarli nel corso della loro permanenza.
Sono molto soddisfatto dal risultato ottenuto grazie alla collaborazione avviata con le scuole del territorio e con il liceo artistico di Cosenza, infatti, la loro visita al laboratorio ha permesso al Premio Pandosia di raggiungere tante famiglie riuscendo così ad avviare una forte azione di promozione territoriale.
Ci siamo lasciati con tanto entusiasmo e pronti ad avviare la preparazione della prossima edizione del Premio, perchè tanti sono stati gli stimoli ricevuti dalle persone incontrate nel corso di quest’anno.
Si sta costruendo un forte strumento di promozione per il territorio principatese e presto accanto al Premio Pandosia verrà avviata la Pinacoteca di Arte moderna che aprirà Marano Principato al mondo del turismo con maggiore determinazione.

Conclusa la residenza artistica dei giovani partecipanti al #PremioPandosia 2013

Sabato 9 novembre si è conclusa la residenza artistica dei giovani selezionati per la seconda sezione del Premio Pandosia 2013; gli artisti, provenienti da diverse città d’Italia, oltre a realizzare le opere in corcorso hanno avuto modo di incontrare, nel corso della settimana, la comunità di Marano Principato e ciò si è rivelato molto interessante in occasione dell’incontro con le scuole del luogo durante il quale i bambini hanno mostrato tanta curiosità nel vedere la realizzazione delle opere.
Ho seguito quotidianamente le attività dei giovani ed ho avuto modo di ascoltare le loro impressioni molto positive sin da primo giorno; hanno scoperto un paese, un territorio ed una cittadinanza che li ha accolti lasciando un ricordo positivo grazie ad un’esperienza ricca di incontri importanti per la loro formazione.
Antonio, Davide, Domenico, Francesco, Giovanni e Giuseppe sono i nomi dei giovani artisti che hanno manifestato la volontà di voler ritornare sul territorio di Marano Principato al più presto.
La residenza ha rappresentato una nuova esperienza di crescita per il territorio di Marano Principato e continuare a lavorare verso questa direzione genererà effetti positivi in termini sociali, culturali ed economici per l’intero territorio; per tale motivo, con determinazione si sta puntando a coinvolgere pienamente la cittadinanza nelle varie fasi del Premio Pandosia.
Prossimi appuntamenti la mostra delle opere realizzate, dall’11 al 16 novembre, e la Cerimonia di Premiazione, sabato 16 novembre alle ore 18.30 presso il Centro Sociale C. Baccelli di Marano Principato.

Selezionati gli artisti della sezione giovani del Premio Pandosia 2013

Mancano pochi giorni all’avvio dei laboratori aperti di arte su Marano Princiapato, 5 i partecipanti selezionati per concorrere al Premio Pandosia 2013. Anche quest’anno è stato elevato il valore artistico delle opere inviate per la partecipazione alla selezione. Dopo un’attenta analisi delle opere e del percorso artistico dei giovani che hanno presentato la domanda di iscrizione, il Comitato Promotore ha scelto i seguenti artisti:

  • Antonio Schipani (scultura)
  • ZeroOttoUno – Davide Negro e Giuseppe Guerrisi (fotografia)
  • Domenico Cordì (scultura)
  • Francesco Votano (pittura)
  • Giovanni Timpani (graffiti)

I giovani artisti selezionati realizzeranno l’opera che verrà premiata direttamente a Marano Principato, dove verrà allestito un vero e proprio laboratorio d’arte dal 4 al 9 novembre. Gli artisti che saranno presenti per tutto il periodo del laboratorio si ispireranno al territorio, alle persone e alla vita reale di Marano Principato per realizzare le proprie opere di scultura, pittura, fotografia e graffiti.

Marano Principato, quindi, diventerà per 5 giorni un fucina dell’arte e fonte di ispirazione per la produzione di cultura e valori.

Nel corso della settimana saranno promosse iniziative e momenti di incontro tra la cittadinanza ed i giovani artisti al fine di creare un legame ancora più forte tra la comunità ed il Premio Pandosia.