Sul terreno dello scontro e della divisione non mi troverete!

Il percorso che mi vedrà in campo come candidato a sindaco del Gruppo Insieme per Marano Principato sarà caratterizzato da proposte ed idee di sviluppo per il nostro territorio.

Rigenerazione sociale, urbana e manutenzione del territorio: questo uno dei temi che ha accompagnato le discussioni degli ultimi mesi del Gruppo Insieme e stimolato le riflessioni di tanti cittadini che hanno accolto l’invito a partecipare alla costruzione del nostro progetto per Marano Principato.

Vi invito, attraverso questo post, a contattarci sulla pagina Facebook Gruppo Insieme – Marano Principato, contribuite anche voi con idee e proposte sul tema sopraindicato o su altri temi.
Mi troverete sul campo del confronto tra visioni di azione politico-amministrativa anche divergenti, che generano una competizione positiva, ma non mi troverete mai a scontrarmi per banali contrapposizioni.

Con i miei compagni di viaggio non cadremo nella trappola del “rafforziamoci dividendo”.
Una comunità che si divide è una sconfitta per tutti.

Invito tutti gli schieramenti politici e le “forze sociali” di Marano Principato a non generare divisioni ma a costruire una comunità che sceglie la strada migliore per governare il territorio.
Spostiamo tutti lo sguardo verso i cittadini e dimentichiamo l’avversario politico.
Non dobbiamo sconfiggere l’avversario ma convincere con proposte ed azioni concrete i cittadini.

Inizia un nuovo percorso

Venerdì si é interrotto, dopo circa 14 anni, il mio percorso da consigliere comunale di Marano Principato.
Ormai sono note a tutti le cause che hanno generato lo scioglimento del Consiglio comunale e di conseguenza il commissariamento dell’ente, un Sindaco ed un gruppo che non hanno avuto la capacità di concretizzare in armonia le idee di sviluppo poste come obiettivo nel programma elettorale presentato ai cittadini nel 2016.

Un gruppo che non è stato gruppo sin dalle sue origini, nato solo per vincere ma non per governare. Mi fermo qui nelle considerazioni.
Vero si è interrotto il percorso da consigliere comunale ma da qualche mese è iniziata una nuova avventura da candidato a Sindaco del Gruppo Insieme per Marano Principato 2021/2026.

Da candidato a Sindaco ho lavorato e lavorerò per consolidare sempre più l’armonia della squadra che guiderò fino alla competizione elettorale. Sarà fondamentale, per governare il nostro territorio, avere una squadra di lavoro con obiettivi condivisi, metodologie di lavoro consolidate e predisposizione al lavoro di squadra.

Caratteristiche che già da anni si ritrovano nei componenti del gruppo Insieme.
Marano Principato ha bisogno di questa armonia!

Presentata Mozione di sfiducia al Sindaco di Marano Principato

Mercoledì 19 come da programma si è svolto il Consiglio Comunale in cui si è discussa la mozione di sfiducia, presentata insieme ai colleghi dell’opposizione, nei confronti del Sindaco di Marano Principato Luigi Pulice.
L’ esito: scontato!

Una maggioranza inesistente che respinge la mozione con soli 5 voti contrari, due astensioni e 5 voti favorevoli.
Le astensioni del Sindaco e del Consigliere Tenuta Emilio, quest ’ultimo nel suo intervento esprime insoddisfazione per l’operato della maggioranza e del Sindaco, dice di voler con la sua astensione dare una scossa da stimolo, sarà un ultimatum? Lo vedremo.

La cosa certa che ha potuto constatare il numeroso pubblico presente al Consiglio, sollecitato ad essere presente dal Gruppo Insieme, è la chiara mancanza di coesione all’interno della maggioranza ridotta ormai ai minimi termini.
Nel mio intervento e negli interventi dei colleghi consiglieri di opposizione abbiamo esplicitato tutte le forti mancanze di questa maggioranza riprendendo i temi trattati nella mozione ci aspettavamo risposte chiare e precise che parlassero di quasi 4 anni di amministrazione Pulice ma così non è stato, ci siamo ritrovati ad ascoltare una “contro mozione” per la precedente amministrazione, ma che senso ha? Valuteranno i cittadini!

Da registrare nel Consiglio un momento importante per noi del Gruppo Insieme e per l’intera assemblea l’ingresso del neo consigliere comunale Giulia Ruffolo dopo le dimissioni del Consigliere Domenico Ruffolo.
Per Giulia inizia un percorso importante.
Il Gruppo Insieme in consiglio si arricchisce di una forte presenza femminile che insieme all’amico Roberto Bilotto e al forte e coerente Francesco Muto cercheremo di valorizzare al massimo.
Giulia darà voce a tutto il gruppo che ha tanta voglia di fare per Marano Principato e la sua gente.

Cittadini guardiani della democrazia

Sta a tutti noi essere guardiani preoccupati e gelosi della democrazia; abbracciare con gioia questo compito per continuare a migliorare la nostra grande nazione. Perché per tutte le nostre differenze, condividiamo tutti lo stesso titolo: cittadini.

Una delle frasi del discorso di addio di Obama che mi ha colpito e fatto riflettere di più; in questo passaggio, Obama lancia un importantissimo messaggio di responsabilità, partecipazione ed uguaglianza e, soprattutto, fa emergere con chiarezza la centralità ed il valore enorme che si vuole dare al “titolo” di cittadino.
Ognuno di noi deve sentirsi prima di ogni altra cosa “cittadino responsabile” della comunità che vive; è fondamentale sentirsi protagonisti attivi, con le nostre azioni quotidiane, del cambiamento nel tessuto sociale che ci circonda.

Al cittadino non spetta il ruolo di “spettatore” della quotidianità, altrimenti si rischia di subire il bene ed il male senza aver detto la propria e senza avere, quindi, la possibilità di una seconda chance.
Il presidente uscente ci dice di essere preoccupati e gelosi: preoccupati perché non possiamo essere superficiali; gelosi per mostrare con determinazione il senso di appartenenza positivo alla comunità che viviamo.
Tutto ciò però, per come ci suggerisce Obama, va vissuto con gioia e serenità, il cittadino deve adoperarsi con gioia per costruire e migliorare la comunità.
Se si opera con gioia si superano le divisioni, le differenze e le incomprensioni per il bene della collettività.

La curiosità delle nuove generazioni come motore di sviluppo dei nostri territori.

Credo che in territori come quelli calabresi ogni ente educativo deve oggi adoperarsi a sviluppare nelle nuove generazioni la curiosità di scoprire cosa arricchisce il territorio che vive e la riscoperta delle risorse del territorio deve essere lo stimolo per costruire il futuro.
Le risorse, materiali ed immateriali, spesso sono rimaste nascoste ed anonime lasciando tante zone della Calabria nella mediocrità.

Della nostra terra spesso paesaggi, tradizioni, prodotti agricoli, mestieri, clima, formazione, cultura e tanto altro rappresentano un mistero mentre per altri territori sono elemento di ricchezza e sviluppo.
Oggi bisogna lavorare verso questa direzione, la ricerca e la curiosità di conoscere, in tutto ciò hanno un ruolo chiave i vari agenti di formazione famiglia, scuola, chiesa e politica.

Una azione di ricerca produce di conseguenza un senso di responsabilità e protezione verso ciò che la ricerca produce, a loro volta la responsabilità e la protezione producono valorizzazione e sviluppo.
Questo oggi viene dimostrato in Calabria in tanti settori in cui giovani politici, imprenditori e ricercatori si sono adoperati ed attivati con azioni di valorizzazione di risorse del territorio. Partendo da questi esempi concreti bisogna partire per questa azione educativa.

Un ottobre d’eventi per Marano Principato

“Il Premio Pandosia sarà crocevia per tutta una serie di eventi che faranno del mese di ottobre lo spartiacque decisivo tra vecchio e nuovo, passato e futuro”.
Così Alessandro Tenuta, Sindaco di Marano Principato, nell’annunciare a breve una doppia inaugurazione, il Centro di aggregazione giovanile, giorno 25 ottobre e giorno 1 novembre della Pinacoteca d’arte moderna che dopo 28 anni permetterà ai cittadini di Marano Principato e non solo, di potere conoscere e apprezzare il ricco patrimonio artistico che il comune ha maturato nel corso del Premio e che finalmente avrà una collocazione appropriata al suo prestigio.

“Possiamo dire di aver messo a segno alcuni fra i punti programmatici per noi più importanti – ha proseguito Tenuta – a partire dal recupero e valorizzazione del Centro Sociale Cesare Baccelli. Ampliato, attrezzato, e messo a norma, oggi può essere punto di incontro e scambi, laboratorio di idee per la crescita, la formazione e il futuro dei nostri giovani. Non a caso ospiterà il Centro di Aggregazione giovanile. A Marano i giovani sono oltre il 35% della popolazione residente e dobbiamo offrire loro opportunità tali da farli restare, investire energie e intelligenze in un territorio aperto, di cui andar fieri. A tal proposito – ha detto ancora il Sindaco di Marano Principato – ridiamo una identità a questo territorio partendo dalle sue tradizioni culturali e artistiche. Nel corso degli anni da qui sono passati grandi nomi
dell’arte moderna e contemporanea, lasciando traccia della loro arte. Accanto ad opere blasonate quelle di artisti emergenti, più o meno noti, per i quali il Premio Pandosia è stato vetrina e trampolino di lancio”.

Quest’anno raddoppiamo con le residenze artistiche, dal 25 ottobre al primo novembre, i principate si daranno ospitalità a 11 artisti e vedranno la loro arte prendere forma nei luoghi della cittadina.
Un premio che si arricchisce di belle novità e collaborazioni e che grazie a giovani universitari, a lavoro da mesi, rafforza l’appeal e il legame col territorio.

Davanti a tutto questo non possono esserci schieramenti ne contrapposizioni politiche. L’arte, la cultura e i giovani non possono più essere parole demagogiche o slogan, ma questioni sempre aperte da attenzionare se si vuole andare lontano. E noi stiamo procedendo spediti in questa direzione.