Un ottobre d’eventi per Marano Principato

“Il Premio Pandosia sarà crocevia per tutta una serie di eventi che faranno del mese di ottobre lo spartiacque decisivo tra vecchio e nuovo, passato e futuro”.
Così Alessandro Tenuta, Sindaco di Marano Principato, nell’annunciare a breve una doppia inaugurazione, il Centro di aggregazione giovanile, giorno 25 ottobre e giorno 1 novembre della Pinacoteca d’arte moderna che dopo 28 anni permetterà ai cittadini di Marano Principato e non solo, di potere conoscere e apprezzare il ricco patrimonio artistico che il comune ha maturato nel corso del Premio e che finalmente avrà una collocazione appropriata al suo prestigio.

“Possiamo dire di aver messo a segno alcuni fra i punti programmatici per noi più importanti – ha proseguito Tenuta – a partire dal recupero e valorizzazione del Centro Sociale Cesare Baccelli. Ampliato, attrezzato, e messo a norma, oggi può essere punto di incontro e scambi, laboratorio di idee per la crescita, la formazione e il futuro dei nostri giovani. Non a caso ospiterà il Centro di Aggregazione giovanile. A Marano i giovani sono oltre il 35% della popolazione residente e dobbiamo offrire loro opportunità tali da farli restare, investire energie e intelligenze in un territorio aperto, di cui andar fieri. A tal proposito – ha detto ancora il Sindaco di Marano Principato – ridiamo una identità a questo territorio partendo dalle sue tradizioni culturali e artistiche. Nel corso degli anni da qui sono passati grandi nomi
dell’arte moderna e contemporanea, lasciando traccia della loro arte. Accanto ad opere blasonate quelle di artisti emergenti, più o meno noti, per i quali il Premio Pandosia è stato vetrina e trampolino di lancio”.

Quest’anno raddoppiamo con le residenze artistiche, dal 25 ottobre al primo novembre, i principate si daranno ospitalità a 11 artisti e vedranno la loro arte prendere forma nei luoghi della cittadina.
Un premio che si arricchisce di belle novità e collaborazioni e che grazie a giovani universitari, a lavoro da mesi, rafforza l’appeal e il legame col territorio.

Davanti a tutto questo non possono esserci schieramenti ne contrapposizioni politiche. L’arte, la cultura e i giovani non possono più essere parole demagogiche o slogan, ma questioni sempre aperte da attenzionare se si vuole andare lontano. E noi stiamo procedendo spediti in questa direzione.

Presentazione Premio Pandosia 2015

Venerdì 4 settembre in piazza Annunziata a Marano Principato (CS), è stato presentato il nuovo progetto di rilancio dello storico Premio Pandosia, illustre rassegna di arte contemporanea che da trent’anni rappresenta il principale patrimonio artistico e culturale del territorio principatese e che si vuole rendere visibile e godibile da tutti, grazie alla realizzazione della Pinacoteca Comunale all’interno del Centro Cesare Baccelli.

Da quest’anno il Premio presenta una nuova organizzazione e veste, frutto del lavoro di giovani studenti che nel giugno scorso hanno partecipato ad una business competition nell’ambito del progetto Giovani&FuturoComune, promosso dall’associazione Goodwill con il supporto di Fondazione Vodafone Italia. Quest’ultima, attraverso il suo segretario generale, i due sindaci dei comuni coinvolti e goodwill ha decretato il team vincente.
Fine ultimo, stimolare iniziative sulla ricognizione e valorizzazione dei beni comuni esistenti nel proprio territorio, e sviluppare le capacità e gli interessi imprenditoriali dei ragazzi.
Il progetto è stato ben accolto dal Ministero dei beni culturale e da quello dell’istruzione che si sono detti interessati a seguire e conoscere gli sviluppi dello stesso .
Il giovanissimo team dell’associazione PandosiaeARTh, vincitore del progetto, ha posto all’attenzione del Comune di Marano Principato nuove idee per la valorizzazione di un bene comune del territorio.
Idee che dovranno far proprie i 15 artisti che saranno scelti fra i partecipanti al bando del Premio, in scadenza il 30 settembre. Per loro sarà prevista la residenza di una settimana a Marano Principato, durante la quale daranno vita alle loro opere nei luoghi e sui beni prescelti. Il primo novembre l’attesa premiazione.

Il Premio diventa, per le sue finalità e modalità di attuazione, un grande evento artistico-culturale-sociale, unico in Calabria e in Italia , che sarà divulgato a livello internazionale, creando sinergie con enti formativi e tra aspiranti imprenditori culturali e pubblico, coinvolti in un percorso fatto di ospitalità, spazi comuni e workshop. Centrali saranno i temi dell’eco-sostenibilità, dell’integrazione e del confronto tra culture diverse.

Le moltissime novità dell’edizione 2015 del Premio Pandosia, il cui tema sarà: “(R)innovare: niente nasce dal nulla, tutto nasce dalla terra”, sono state presentate dal Comune di Marano Principato, dal Centro Turistico Giovanile Pandosia e da Giovani&FuturoComune.

Bellissima la cornice di Marano Principato per la serata di presentazione, tanti i giovani presenti, tanti cittadini interessati a conoscere le novità del Premio 2015.

Nel corso della serata è stato più volte ricordato che quest’anno si punterà ad un forte coinvolgimento dei cittadini, attraverso l’ospitalità da offrire agli artisti, delle attività commerciali che già in occasione della presentazione del Premio hanno realizzato dei prodotti nuovi (il gelato Pandosia del Bar Annunziata, il Panino Pandosia del Bar San Francesco ed il cocktail Pandosia del Bar numero 10).
Molto importante sarà anche il ruolo della scuola nel divulgare ai più giovani principatese cosa rappresenta da 30 anni il Premio Pandosia per Marano Principato.

Vogliamo far dialogare i principatesi con gli artisti per scambiarsi idee e trovare fattive forme di collaborazione che restituiscano il premio ai suoi diretti fruitori: il territorio e chi lo vive.
Siamo convinti che l’arte può davvero diventare una grande occasione di rigenerazione urbana, comunitaria ed economica del territorio di Marano Principato e non solo.

Al via i lavori per il Centro di Aggregazione Giovanile

Ci siamo: sono iniziati i lavori di ammodernamento del Centro di aggregazione giovanile di Marano Principato e prevediamo di inaugurare la struttura per fine anno.

Inoltre, mentre si dava il via ai lavori, l’amministrazione comunale ha indetto nel mese di luglio una manifestazione di interesse per enti ed associazioni propensi a gestire le attività previste nel CAG. Alla manifestazione hanno aderito nove associazioni con sede nei territori delle serre cosentine e l’aver ricevuto adesione da associazioni che operano non solo a Marano Principato mostra come tale struttura rivesta un importante ruolo per lo sviluppo sociale del nostro territorio. Abbiamo già convocato per lunedì 6 ottobre un primo incontro con le associazioni per presentare le attività previste e gli obiettivi che l’amministrazione comunale si pone con lo sviluppo del progetto CAG, nello stesso tempo si verificherà come le associazioni stesse vogliano contribuire alla gestione.

Guarda la presentazione!

La decisione di costruire insieme alle realtà presenti sul territorio l’avvio del progetto Centro di Aggregazione Giovanile deriva dalla consapevolezza che proprio grazie a questo spirito di condivisione si è reso possibile il raggiungimento di tanti traguardi dell’attuale gruppo di maggioranza del consiglio comunale di Marano Principato.
Sono convinto che il percorso che inizieremo dal 6 di ottobre porterà al territorio delle serre cosentine una opportunità di crescita e di sviluppo, il CAG rappresenterà uno strumento a disposizione dei cittadini per facilitare l’incontro, la condivisione, lo sviluppo di idee, la formazione e tanto altro ancora.

cag-1

#EducareaScoprire | Campo estivo di formazione CTG Pandosia

Da venerdì 8 agosto a domenica 10, ho partecipato con entusiasmo al campo estivo annuale di formazione del Centro Turistico Giovanile Pandosia.
Il campo, dal tema “Educare Animando“, si è svolto a Lorica, una bellissima località in Sila, in provincia di Cosenza.

Abbiamo analizzato in che modo il Ctg può svolgere un ruolo educativo per i soci e per il mondo in cui opera, e dalla discussione che ha animato la tre giorni silana è emerso uno slogan che accompagnerà le nostre attività fino a dicembre 2015: #EducareaScoprire.
Uno slogan che sintetizza la nostra volontà di stimolare alla ricerca, alla scoperta e alla curiosità verso ciò che ci circonda, perchè riteniamo che  solo dalla scoperta riusciremo a vivere da protagonisti il territorio in cui viviamo ed operiamo.

Per concretizzare questi nostri propositi abbiamo programmato una serie di iniziative che interesseranno i prossimi 2 anni e  fra queste spicca il contributo che il CTG Pandosia vuole dare alla realizzazione  del Centro di Aggregazione Giovanile di Marano Principato che prenderà il via nel 2015.
Su tale attività ci siamo soffermati nell’ultima giornata predisponendo una relazione che verrà presentata al tavolo di partenariato che programmerà lo sviluppo del CAG.

Come ogni anno si ritorna dai campi formativi con tanti stimoli in più che accompagneranno la nostra vita associativa e personale 🙂

 

foto 2 foto 4

Conclusa la XXVII edizione del Premio Pandosia

Sabato 16 novembre si è conclusa la XXVII edizione del Premio Pandosia e nel corso della serata sono state raccontate le tante novità che hanno reso speciale la manifestazione. Sia per la prima che per la seconda sezione è stata modificata la modalità di realizzazione delle opere e, in particolare, nella seconda sezione, i giovani artisti selezionati hanno avuto modo di vivere il territorio di Marano Principato e lasciare un ricordo importante ai tanti principatesi che hanno avuto modo di incontrarli nel corso della loro permanenza.
Sono molto soddisfatto dal risultato ottenuto grazie alla collaborazione avviata con le scuole del territorio e con il liceo artistico di Cosenza, infatti, la loro visita al laboratorio ha permesso al Premio Pandosia di raggiungere tante famiglie riuscendo così ad avviare una forte azione di promozione territoriale.
Ci siamo lasciati con tanto entusiasmo e pronti ad avviare la preparazione della prossima edizione del Premio, perchè tanti sono stati gli stimoli ricevuti dalle persone incontrate nel corso di quest’anno.
Si sta costruendo un forte strumento di promozione per il territorio principatese e presto accanto al Premio Pandosia verrà avviata la Pinacoteca di Arte moderna che aprirà Marano Principato al mondo del turismo con maggiore determinazione.

L’Economia del Noi al Meeting dei Giovani della provincia di Cosenza

È stato un fine settimana ricco di condivisione quello vissuto da noi giovani del meeting che ci siamo ritrovati, anche quest’anno, a Marano Principato per raccontare ed ascoltare tante storie di “Riparto dal Noi”.
Il tema affrontato, nell’edizione 2013 del Meeting dei Giovani della provincia di Cosenza, è stato l’economia del noi, un nuovo modo di pensare e di vivere nella società sostituendo i principi della cooperazione e della condivisione a quelli della competizione e dell’individualismo che hanno retto sino ad oggi l’intero sistema economico e sociale.
Abbiamo pensato di raccogliere le caratteristiche principali dell’economia del noi in un video realizzato con i volti della nostra rete di esempi positivi.
La formula scelta quest’anno per la gestione della due giorni è risultata vincente; infatti, la partecipazione dei giovani presenti si è manifestata molto più attiva rispetto alla edizione precedente.
L’impegno conclusivo dei giovani del meeting è stato quello di continuare nel nostro agire quotidiano ad alimentare la rete che si sta, con molti sforzi, cercando di costruire.

Campo formativo Centro Turistico Giovanile Pandosia “CTG: vocazione al futuro”

foto 1Da giovedì 8 agosto a domenica 11 agosto ci siamo ritrovati con i soci del Centro Turistico Giovanile Pandosia in Sila, presso una struttura del Villaggio Cagno, per il campo formativo 2013 dal tema: CTG vocazione al futuro.

La domanda su cui ho basato lo sviluppo del mio intervento conclusivo del campo è stata: Dove va l’associazione e dove potrebbe andare?
Prima di affrontare a pieno la domanda, ho voluto evidenziare la differenza che c’è nel pronunciare semplicemente le singole lettere C – T – G con il pronunciare Centro Turistico Giovanile; infatti, le tre lettere trasmettono ben poco, mentre dietro le tre parole c’è tanto significato, c’è un messaggio preciso e l’identità di una associazione.
La risposta alla mia domanda nasce proprio da questo passaggio fondamentale che il gruppo Pandosia deve fare suo: riscoprire il vero senso di queste 3 parole, in modo da ritrovare la propria identità ed i propri valori nascosti dietro ad un semplice acronimo.
Bisogna ricominciare a dare senso e valore a ciò che facciamo, dare senso e valore al nostro agire e per fare tutto ciò, a mio avviso, è necessario conoscere il CTG, conoscere la storia del gruppo e voler scoprire i talenti di ogni singolo socio. Inoltre, occorre riscoprire la voglia di stare insieme con uno scopo ben preciso, saper valorizzare le differenze che potrebbero dividerci, riuscire ad individuare una leadership capace di ottimizzare le differenze.
Tutto ciò è realizzabile se ogni singolo socio ed ogni singolo componente del direttivo si impegnerà a riscoprire il tempo libero occupato dal CTG non come un peso ma, bensì,  come una occasione che ci viene data da aggiungere alle altre esperienze educative e formative che ciascuno ha vissuto nel proprio percorso di vita.
In conclusione ho evidenziato ciò che penso riguardo alla presenza responsabile sul territorio in cui il gruppo agisce.
Per Marano Principato siamo una risorsa, da noi il territorio e la comunità si aspettano qualcosa, siamo una presenza importante, sforziamoci di mantenere l’identità che nel corso di più di 30 anni altri cari soci hanno contribuito a costruire con passione e costanza.

Gruppo giovani Azione Cattolica Marano Principato: chiusura anno associativo con passeggiata in montana

Domenica 23 giugno con gli amici del gruppo giovani dell’Azione Cattolica di Marano Principato abbiamo deciso di trascorre, per concludere l’anno associativo, una giornata in montagna.

Dopo aver passeggiato per circa tre ore lungo un bellissimo sentiero della montagna di Marano Principato, ci siamo fermati a festeggiare a tavola con tante specialità tipiche della cucina calabrese, un bel modo per concludere in allegria un anno associativo ricco di esperienze e condivisione.

Incontro nazionale Centro Turistico Giovanile “CTG: destinazione futuro”

Venerdì 21 e sabato 22 giugno ci siamo ritrovati con gli amici del Centro Turistico Giovanile a Roma per una due giorni di confronto sul futuro della nostra associazione, presenti circa 20 soci giovani e non del Ctg provenienti da tutto il territorio nazionale.
Tutti i presenti oltre ad essere accomunati dall’adesione al Ctg hanno vissuto in passato l’esperienza formativa dell’Accademia Nazionale dell’associazione.
Insieme a me, del gruppo Pandosia, presenti Paolo Sessa, Francesco Trozzo e Luisa Bilotto.

Nella prima giornata ci siamo soffermati a presentarci e parlare delle nostre esperienze all’interno del Centro Turistico Giovanile, tante le esperienze raccontate spesso diverse tra loro dove emerge il legame con i diversi territori. Interessante ascoltare i racconti e condividere ciò che è stato fino ad oggi il percorso all’interno dell’associazione.
Nella seconda giornata siamo entrati nel cuore del tema dell’incontro partendo dall’analisi dei punti di forza e di debolezza dell’Associazione fino ad arrivare a mettere sul tavolo le nostre proposte per il futuro.
Secondo il mio pensiero, espresso durante l’incontro, gli ultimi 10 anni del CTG sono stati caratterizzati da una forte spinta formativa rivolta ai giovani soci dell’associazione , questo investimento ha portato dei frutti all’interno dell’associazione soprattutto relativamente al lavoro svolto dai singoli gruppi. Oggi però questo investimento associativo deve dare altri risultati, c’è bisogno di creare una vera “rete nazionale di gruppi” che li veda andare verso la stessa direzione e con un obiettivo unico e chiaro per tutti, l’obiettivo si distingue dagli strumenti e lo si ritrova nell’art. 1 dello Statuto Associativo. Forse dobbiamo avere il coraggio di essere più ambiziosi e riconoscere il nostro ruolo, nella società odierna, di agenzia educativa.

I giovani del Meeting alla manifestazione “In giro per l’ Europa con il volontariato”

foto 3

Giovedì 20 giugno 2013 ho partecipato, insieme ad altri amici della rete del Meeting dei Giovani della provincia di Cosenza, alla manifestazione organizzata dal Comune di Cosenza in collaborazione con il Centro servizi per il Volontariato di Cosenza, “In giro per l’ Europa con il volontariato” in Piazza 11 settembre a Cosenza.
Obiettivo della manifestazione fornire ai giovani della provincia informazioni relative alle tante opportunità, spesso mio malgrado sconosciute, che la Comunità Europea offre per svolgere attività di volontariato nei paesi europei.

Nel corso della manifestazione abbiamo promosso l’attività del meeting attraverso la distribuzione di materiale informativo e  invitando i tanti giovani presenti a partecipare attivamente alle proposte per il 2013.
Nel corso della giornata ho avuto modo di confrontarmi relativamente al meeting anche con il presidente del CSV Maria Annunziata Longo ed alcuni collaboratori; dal confronto è emerso con chiarezza la volontà del Centro Servizi per il Volontariato di essere parte attiva della rete del meeting  ed a breve fisseremo un incontro per discutere delle azioni operative della collaborazione da mettere in atto per l’anno 2013.